Associazione Aniante-Lentini

sito ufficiale dell'artista Elio Lentini

Biografia

Profilo artistico e personale dell'Artista

Elio Lentini

Villafranca Lunigiana (Massa Carrara), 02.11.1938
Nel 1974 il critico d’arte Leonello Venturi e l’Aniante lo definirono “il caposcuola del realismo magico” alludendo all’espressività e alla pienezza formale delle sue opere. La sua vita privata, pur tra successi eclatanti, è sempre stata “crepuscolare”, avvolta e protetta dai boschi di Dolceacqua, dal silenzio di ulivi e vigne. (approfondisci)

Le principali Mostre che hanno ospitato le opere di Elio Lentini

È il pensiero che guida le mie mani. E il mio pensiero è libero.

Principali premi e riconoscimenti tributati

Critica

Le più significative interpretazioni critiche della sua opera.

... concludo definendo il Lentini come il caposcuola di un “realismo magico” che si sprigiona dai più vili ai più nobili metalli, maneggiati da lui con una maestria che non ha precedenti nel campo.

Nasce così un mondo metamorfico, in cui il metallo mantiene intatti i suoi valori materici per subito metaforizzarsi in sigle zoomorfiche o fitomorfiche.

Per Lentini sono le sensazioni che rendono viva la materia. La rigidità del metallo si scioglie nella plasticità della forma e si può accarezzare il senso del dolore, la sofferenza del metallo nel momento in cui viene inciso e tagliato.